Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Ultime novità

Notizie
20 dicembre 2017

Image Line porta il progetto AgroInnovation EDU in tutta Italia

Firmato il protocollo di intesa con la Rete Nazionale Istituti Agrari per il progetto dedicato alle scuole agrarie


agroinnovation-edu-renisa-protocollo-nazionale-spadoni-marini

Fonte immagine: Image Line

AgroInnovation EDU arriva in tutte le scuole agrarie italiane.
Lo scorso 18 dicembre presso l'Istituto Tecnico Agrario Garibaldi di Roma è infatti stato siglato un protocollo d'intesa con la Rete Nazionale degli Isituti Agrari per portare il progetto di Image Line su tutto il territorio nazionale.

Il progetto di educazione al digitale in agricoltura permetterà agli studenti di conoscere i più moderni e sofisticati software e agli insegnanti di approfondire le tematiche correlate all’agricoltura 4.0 grazie a momenti di formazione continua a loro dedicati tramite webinar per l'aggiornamento professionale.
Alunni e docenti potranno utilizzare QdC® - Quaderno di Campagna e Fitogest®+, per comprendere meglio come gestire in modo innovativo le operazioni colturali e come poter utilizzare i servizi digitali per rendere l’azienda più efficiente e sostenibile, valorizzare le produzioni agroalimentari. Inoltre avranno accesso all’informazione tecnica di settore attraverso AgroNotizie.

Leggi l'approfondimento su AgroNotizie

"La firma del Protocollo d’Intesa con la Rete Nazionale degli Istituti Agrari rappresenta un traguardo importante per Image Line, poiché ci conferma il forte interesse del mondo della scuola verso l’agricoltura digitale. Ora potremo coinvolgere un numero sempre maggiore di studenti e insegnanti degli Istituti Agrari di tutta Italia. Siamo convinti che la nostra agricoltura, oggi sempre più 4.0, necessiti di professionisti con un forte background nell’utilizzo delle moderne tecnologie – ha affermato Cristiano Spadoni di Image Line. Per questo è importante che gli studenti imparino a conoscerle ed utilizzarle già durante il percorso di studi, per essere competitivi nel mondo del lavoro e contribuire alla crescita di un’agricoltura Made in Italy sempre più rispettosa e di qualità